back

inquire

to learn more about this artwork, please provide your contact information.

Thank you We have recieved your inquiry. A member of the team will be in touch shortly.
back
 

Welcome to Galleria Raffaella Cortese’s online Viewing Room. Please provide your contact information to enter.

By sharing your details you agree to our Privacy Policy, and will receive gallery newsletters.

 
 

franco vimercati

un minuto di fotografia

On the occasion of Un minuto, our current exhibition of works by Franco Vimercati, we are pleased to present Un minuto di fotografia, an online viewing room which places the artist’s photographic practice into further focus. The retrospective, curated by Marco Scotini, is devoted to the artist with whom the gallery first opened in 1995 and unfolds across the gallery’s three exhibition venues in via Stradella, Milan, each dedicated to a decade of Vimercati’s activity, from the 1970s to the year 2000. The online presentation Un minuto di fotografia coincides with the release of the book of the same title, published by Quodlibet, and includes a selection of artworks and excerpts from the texts gathered in the publication as well as video documentation of the exhibition at the gallery.

In occasione di Un minuto, la mostra su Franco Vimercati attualmente in corso in galleria, siamo lieti di presentare Un minuto di fotografia, una viewing room che introduce alla pratica fotografica di Vimercati. La retrospettiva a cura di Marco Scotini è dedicata all’artista con cui nel 1995 la galleria ha inaugurato la propria attività e si estende alle tre sedi espositive in via Stradella a Milano, ciascuna dedicata a un decennio di attività di Vimercati, dagli anni Settanta al Duemila. Il progetto digitale Un minuto di fotografia coincide con l'uscita dell'omonimo libro pubblicato da Quodlibet e comprende una selezione di opere ed estratti dei testi raccolti nella pubblicazione nonché un video dedicato alla mostra in galleria.

franco vimercati

Un minuto

2020

Exhibition video

 

Remaining devoted, without once straying, to the austerity and intractable asceticism of the 1970s, Vimercati continued to develop – for thirty years – the model of photographic series and sequences, shunning the status of the single image as autonomous and self-sufficient, separate from that infinity of relationships that make each moment a composite of multiple layers, stratified and concatenated into barely different folds, producers of meaning. Vimercati obstinately concentrated on time by reducing the superfluous: no colour beyond black and white, no interesting subjects, no virtuous composition, no different camera lens, nothing anecdotal. And still: no psychologism, no representation, nothing but canonical framing, no exercise in style. Essentially: “until there was nothing left except the shot.”

Rimasto fedele, senza mai allontanarsene, all’austerità e all’inflessibile ascetismo degli anni Settanta, Vimercati continua a sviluppare – per trenta anni – il modello della serie e della sequenza fotografica, rifuggendo dallo statuto dell’immagine unica come immagine autonoma e autosufficiente, sottratta a quell’infinità di relazioni che fanno di ogni momento un composto di piani molteplici, stratificati e concatenati in ripiegamenti appena differenti e produttori di senso. C’è in Vimercati l’ostinazione a concentrarsi sul tempo riducendo tutto il superfluo: non un colore oltre il bianco e nero, non un soggetto interessante, non il virtuosismo della composizione, non un obiettivo fotografico diverso, non l’aneddotico. Ma ancora: nessuno psicologismo, nessuna rappresentazione, nessuna inquadratura che non sia canonica, nessun esercizio di stile. In sostanza: “niente oltre allo scatto”.

Marco Scotini, One Minute and the Possible. Franco Vimercati and The Photographic Time. Published in Franco Vimercati. Un minuto di fotografia (Macerata: Quodlibet, 2020).

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 7, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 7, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 7, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

 

Do you use photography for investigation or as research?
For me it is of fundamental importance that the final object of my work be discreet, not unwieldy, light and fragile, like a sheet of paper that has been touched by light. That would be enough. Then, it’s the only way to render my inclinations tangible for observation and analysis – which lead to replication, to comparison – and in the end to an essential component that I find very stimulating: the shooting, developing the film, the printing, the paper itself.

Usa la fotografia per indagarla, per fare una ricerca?
Premetto che per me è di fondamentale importanza che l’oggetto finale del mio lavoro sia discreto, poco ingombrante, leggero e fragile, come può esserlo solo un foglio di carta toccato dalla luce. E questo già basterebbe. Poi, è l’unico modo per rendere tangibile la mia inclinazione per l’osservazione, l’analisi – che porta inevitabilmente alla replica, alla comparazione – e infine per una componente non trascurabile di lavoro manuale che mi appassiona moltissimo: la ripresa, lo sviluppo della lastra, la stampa, le carte.

Angela Madesani, A Conversation with Franco Vimercati. Milan, 1998. Published in G. Panza di Biumo, A. Madesani, eds., Franco Vimercati. Fotografie dal 1973 al 2001, exhibition catalogue (Varese, Villa e Collezione Panza-Como, Associazione culturale Borgovico 33) (Rovereto: Edizioni Stella, 2008). Now in M. Scotini, Op. cit.

franco vimercati

Senza titolo (Piastrelle)

1975/2020

Series of 6 photographs, gelatin silver prints

27,5 × 27,5 cm; 44,5 × 38,5 × 4 cm framed each

Ed. of 6

franco vimercati

Senza titolo (Parquet)

1977/2020

Series of 6 photographs, gelatin silver prints

31 × 10 cm; 49,4 × 32,5 × 4 cm framed each

Ed. of 6

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 4, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 4, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 4, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

 

It is difficult to find any other work to rival the singularity of this project, which was developed slowly, silently, and in solitude in a time marked by the growing proliferation of images and the tumult provoked by the birth of the internet. It is, therefore, quite safe to say that any history of pre-digital photography will find its most convincing epilogue in this Milanese artist.

Difficilmente può trovare eguali la singolarità di un’opera plasmata in maniera lenta, solitaria e silenziosa in un’epoca segnata dalla crescente proliferazione di immagini e dal tumulto provocato dall’arrivo di Internet. Possiamo, dunque, affermare, senza ombra di dubbio, che qualsiasi storia della fotografia pre-digitale trova nell’artista milanese il suo epilogo più convincente.

Javier Hontoria, Dense Time. Franco Vimercati, published in E. Grazioli, Archivio Franco Vimercati, eds., Franco Vimercati: la fotografia, la vita. Un dialogo con Giorgio Morandi / Franco Vimercati: la fotografía, la vida. Un diálogo con Giorgio Morandi, exhibition catalogue (Madrid, Istituto Italiano di Cultura, 2019). Now in M. Scotini, Op. cit.

franco vimercati

Untitled (Brocca)

1980

Gelatin silver print

25,4 × 25,1 cm; 32 × 42 × 4 cm framed

Ed. of 9 + 3 AP

franco vimercati

Untitled (Brocca)

1980/81

Gelatin silver print

27,5 cm diameter; 31,6 × 41,6 × 4 cm framed

Ed. of 9 + 3 AP

franco vimercati

Penned note from 1981, preserved in the Archivio Franco Vimercati.

In this handwritten note dated June 27, 1981, Vimercati reflects on works from several years of photographic practice, tracing a sort of genealogy through which slight variations between different versions of the same object (such as 1975’s Bottiglie) pave the way for the variations in format, framing, composition, and background seen in the Brocca (1980/81) series. “Never definitive image, never given as absolute yet always open to the possibility of an alternative.”

In questo appunto a matita del 27 giugno 1981, Vimercati ragiona sui lavori realizzati in anni di pratica fotografica, tracciandone una sorta di genealogia attraverso la quale lievi variazioni tra diverse versioni dello stesso oggetto (come le Bottiglie del 1975) aprono la strada alle variazioni di formato, inquadratura, composizione e sfondo presenti nella serie Brocca (1980/81). “Immagine mai definitiva, mai data come assoluta ma sempre con possibilità di un’alternativa.”

franco vimercati

Untitled (Brocca)

1980

Gelatin silver print

19,4 × 9,9 cm; 32,3 × 25,5 × 4 cm framed

Ed. of 9 + 3 AP

franco vimercati

Untitled (Brocca)

1980

Gelatin silver print

16,5 × 9,3 cm; 32,3 × 25,5 × 4 cm framed

Ed. of 9 + 3 AP

franco vimercati

Vaso (o Le Temps retrouvé)

1982

Series of 6 photographs, gelatin silver prints

26 × 26 cm; 48 × 42,7 × 3 cm framed each

Ed. of 9 + 3 AP

Rediscovering a simple, direct style like the ones of Talbot or Atget. Photography already contains in itself all of the elements capable of producing wonder. There’s no need for further technical or linguistic elaborations. These become overlays that obscure the charm of ‘making photographs’, or rather ‘photo-graphing’.

franco vimercati

Penned note from 1989, preserved in the Archivio Franco Vimercati.

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 1, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

franco vimercati

Installation view at Galleria Raffaella Cortese, via A. Stradella 1, Milan, 2020

Photo: Lorenzo Palmieri

 

Works from Franco Vimercati’s Soup Toureen and Upside-Downs series are presented in two groupings that mirror the layouts Vimercati himself designed for the 7th issue of Ipso Facto, a contemporary art magazine directed by Elio Grazioli, in the year 2000.

Le opere delle serie Zuppiera e Capovolte di Franco Vimercati sono presentate in due allestimenti che rispecchiano i layout grafici che lo stesso Vimercati aveva disegnato per il 7° numero di Ipso Facto, rivista d’arte contemporanea diretta da Elio Grazioli, nel 2000.

 

They’re upside down because that’s photography; the object is projected onto the plate upside down, and therefore turning it right-side-up in order to make it intelligible didn’t interest me. What interested me was that photography would take place, the occurrence of the photographic event, not the ability to “read” the object. On one hand, this took away the possibility of reading the object; it is no longer decipherable as a glass, but as a shape. On the other hand, I was no longer part of it, I stayed neutral; photography is one thing, and I am another. Very objective… all my work is very objective. I use the language as it is. When it’s out of focus, that’s the way it is. It’s not as though I’m inventing the out-of-focus. I use, I extract… I haven’t invented a thing. My usage is specific. I extract that particular aspect of the language.

Sono rovesciati perché la fotografia è così, in fondo: l’oggetto viene proiettato sulla lastra al rovescio, e quindi capovolgerlo per renderlo leggibile a questo punto a me non interessava. A me interessava che avvenisse la fotografia, che scoccasse la fotografia, non mi interessava leggere l’oggetto. Da una parte toglieva la possibilità di lettura all’oggetto, che non si leggeva più come un bicchiere ma come una forma, dall’altra io non mi implicavo più, rimanevo neutro, fuori: la fotografia è una cosa e io sono un’altra. Molto oggettivo… tutto il mio lavoro è molto oggettivo. Io uso il linguaggio com’è: se sfoco è così, non è che invento la sfocatura. Io uso, estraggo… Non è che mi sono inventato niente. Uso ad hoc, estraggo quell’aspetto del linguaggio. 

Franco Vimercati, in Elio Grazioli, A Conversation with Franco Vimercati, Milan, 2000. Excerpt from Franco Vimercati: Works, exhibition catalogue (Venice, Palazzo Fortuny) (London: John Eskenazi Publications, 2012). Now in M. Scotini, Op. cit.

franco vimercati

Senza titolo (Depuratore)

1998

Gelatin silver print

28,2 × 22,5 cm; 43 × 37 × 3 cm framed

Ed. of 12 + 3 AP

franco vimercati

Senza titolo (Taralli)

1996

Gelatin silver print

31 × 25,5 cm; 48 × 43,3 × 3 cm framed

Ed. of 12

franco vimercati

Senza titolo (Calice)

1996

Gelatin silver print

21,8 × 18,3 cm; 36,5 × 33 × 3 cm framed

Ed. of 12 + 2 AP

 

From 1983 onwards, absolute silence reigns in Vimercati’s photographs. Captured in mineral immobility, the object at the centre of the image seems to exclude even the possibility that sound might exist. Sometimes a shiny surface offers a glimpse of the surrounding environment: a window reflected in the soup tureen, the view of the buildings through the window in a glass. But that impression of the world doesn’t allow any movement or bustle to filter into the frame. Even the multiple exposures of 1999, in which several images of the same object – a glass – are overlapped for a “blurred” effect, are no exception to the rule. The glass that seems to vibrate before our very eyes is like the alarm clock beneath the glass bell jar in a popular physics experiment: the sound does not travel because the air has been sucked out from the bell jar. We see the frenetic movement of the hammer, but nothing encroaches on the silence.

Nelle fotografie di Vimercati a partire dal 1983 regna un silenzio assoluto. Colto in un’immobilità minerale, l’oggetto al centro dell’immagine sembra escludere la possibilità dell’esistenza stessa del suono. A volte, sulla sua superficie lucida si coglie un riflesso dell’ambiente circostante: nella zuppiera si riflette una finestra, nel vetro di un bicchiere gli edifici che la finestra inquadra. Ma quello spiraglio sul mondo non lascia filtrare nell’inquadratura alcun movimento, alcun brusio. Anche le esposizioni multiple del 1999, in cui più immagini del medesimo oggetto – un bicchiere – si sovrappongono con un effetto di “mosso”, non fanno eccezione alla regola. Quel bicchiere che sembra vibrare davanti ai nostri occhi è come la sveglia sotto la campana di vetro di un popolare esperimento di fisica: poiché l’aria è stata succhiata via dalla campana, il suono non si propaga. Vediamo il movimento frenetico del martelletto, ma nulla increspa il silenzio. 

Simone Menegoi, Photographing photography. Four reflections on Franco Vimercati, Brochure published on the occasion of the exhibition Franco Vimercati (Milan, Galleria Raffaella Cortese, 2016). Now in M. Scotini, Op. cit.

franco vimercati

Esposizioni multiple

1999/2020

Series of 5 photographs, gelatin silver prints

30,5 × 24,5 cm; 48 × 43 × 3 cm framed each

Ed. of 6

On the occasion of the exhibition Galleria Raffaella Cortese and Archivio Franco Vimercati published the book Franco Vimercati. Un minuto di fotografia [Franco Vimercati. One minute of photography] with Quodlibet. The volume, edited by Marco Scotini, includes texts by Paolo Fossati, Luigi Ghirri, Elio Grazioli, Javier Hontoria, Angela Madesani, and Simone Menegoi. Click here for more information about the book.

In occasione della mostra Galleria Raffaella Cortese e Archivio Franco Vimercati, grazie all’editore Quodlibet, hanno publicato un libro dal titolo Franco Vimercati. Un minuto di fotografia. Il volume curato da Marco Scotini raccoglie interventi di Paolo Fossati, Luigi Ghirri, Elio Grazioli, Javier Hontoria, Angela Madesani, Simone Menegoi. Clicca qui per maggiori informazioni sul volume.

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

Edited by Marco Scotini

Published by Quodlibet

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

franco vimercati

Un minuto di fotografia / One minute of photography

2020

 

back
 

Thank you for your interest in receiving our newsletter, please fill in the form below.

By sharing your details you agree to our Privacy Policy, and will receive gallery newsletters.